Palos y compàs

Palos e Compás


 

Gli stili musicali del flamenco sono detti palos. Ne esistono più di 50, anche se alcuni di questi sono eseguiti molto raramente. I palos sono classificati secondo criteri musicali (ritmo, tonalità, melodia), e non ad esempio l'origine geografica. Alcuni di essi provengono da altri generi musicali e sono stati "aflamencados" nel corso del tempo come la sevillana, il fandango, la farruca e altri "Canti del Levante".

Il modello ritmico del "palo" con il numero di battiti e l'accentazione è chiamato "compás". Lo stesso termine è usato anche per indicare la base melodica tipica di un "palo".

All'interno di una rappresentazione tipica di flamenco il chitarrista suona degli assoli melodici (falsetas) intervallati a dei momenti in cui predispone un "tappeto sonoro" (compas) per il cantante.

Quest'ultimo intona delle "letras" (strofe), mentre quando il ballerino esegue un assolo di battito di piedi (zapateado) si dice che sta eseguendo una "escobilla".

Alcuni palos vedono la presenza di chitarra, canto e ballo, altri solo di canto (si dicono "a palo seco"), altri solo canto e chitarra e non vengono di norma accompagnati dal ballo.

 

 

CLASSIFICAZIONE DEI PALOS (a seconda del genere):

 

Palos basati sulla Toná

Palos basati sulla Soleá

Palos basati sul Fandango

Palos basati sulla Seguiriya

Palos con ritmo di Tango

Palos de "Ida y vuelta"

Altri palos

 

Palos basati sulla "Toná"

Eseguiti solitamente senza accompagnamento (a palo seco)

  • Debla
  • Martinete
  • Carcelera
  • Saeta
  • Toná
  • Trillera

Palos basati sulla Soleá

  • Alboreá
  • Bulerías
  • Jaleos
  • Caña e Polo
  • Il gruppo delle Cantiñas:
    • Alegrías
    • Caracoles
    • Mirabrás
    • Romeras
  • Peteneras
  • Romances
  • Soleá
  • Soleá por buleria
  • Zorongo

Palos basati sul Fandango

  • Fandangos de Huelva
    • Fandangos abandolaos:
      • Verdiales
      • Rondeñas
      • Jabera
    • Fandangos libres (con ritmica libera):
      • Granaínas
      • Media Granaína
      • Malagueñas
      • Cantes de las minas (canti di miniera):
        • Minera
        • Tarantos
        • Tarantas
        • Cartageneras
        • Murciana
        • Levantica
        • Cantes de madrugá

Palos basati sulla Seguiriya

  • Cabales
  • Livianas
  • Siguiriyas - (o seguiriyas o seguidillas)
  • Serrana

Palos con ritmo di Tango

  • Farruca
  • Garrotín
  • Mariana
  • Tarantos
  • Tientos
  • Tanguillo
  • Tango flamenco

Palos de "Ida y vuelta"

  • Colombiana
  • Guajira
  • Milonga
  • Rumba
  • Vidalita

Altri palos

  • Campanilleros
  • Bambera
  • Sevillana
  • Nana
  • Zambra

 


 

 

CLASSIFICAZIONE DEI PALOS ( a seconda del compas/ritmo):

 

Il compas rappresenta la misura ritmica su cui si basano i diversi generi del flamenco, la ritmica  che li caratterizza e li distingue.


1) palos a tempi pari 2/4, 4/4

Tiento, tango, tanguillo, rumba, Colombiana, Zapateado, Farruca, Garrotin, Taranto, Zambra de Granada ecc.

2) palos a tempi dispari 3/4

Fandango de Huelva (con tutte le numerosissime varianti regionali e locali) Verdiales, Rondenas de Cante, Sevillana, Jaleo, Alboreas ecc.

3) Palos a tempi composti:

a) 3/4-3/4-2/4-2/4-2/4

Soleares (Soleà, Bambera, Caña, Polo) Alegrias e gruppo delle Cantiñas Buleria Soleà por Buleria

b) 2/4-2/4-2/4-3/4-3/4

Siguirya, Martinete, Saeta, Liviana, Cabales, Carcelera, Tonà, Dèbla, Serrana

c) 6/8 (2/4+2/4)-3/4

Petenera, Guajira

4) Palos a Tempo libero:

Gruppo dei Fandangos (Fandango naturale, Malagueña, Granaina, Rondeña) Cantes de Levante (Taranta, Minera, Cartagenera, Murciana) Zambra

e) forme afflamencate e folcloriche

Trillera, Panaderos, Oles, Campanilleros, Villancicos, Milonga, Nanas, Vidalita, Casaleras Lorquiñas ecc.

 


 

 

 

 

CLASSIFICAZIONE DEI PALOS (secondo del "sentido" o ispirazione)

La classificazione dei "palos" flamenchi è controversa anche se di massima vengono divisi due grandi gruppi: il "cante jondo" (cioè profondo) e il "cante chico" (piccolo), ma si annovera anche un gruppo intermedio. Al primo appartengono palos solitamente di sofferenza con presenza di cante tragico, come la soleà, la seguiriya, la petenera, ecc. Al cante chico appartengono generi più leggeri come la buleria, il tango flamenco, l'alegria ecc. Tale classificazione non è rigida, alcuni palos, a seconda del carattere del momento possono migrare da un gruppo all'altro, come ad esempio il Tiento.

Tra quelli del cante chico sono presenti anche palos detti "de ida y vuelta", cioè di andata e ritorno (dall'America) come la guajira e la colombiana che presentano sonorità più latinoamericane. Caratteristica del flamenco sono le sonorità musicali tipiche del modo musicale frigio dominante.


a) Cante Jondo

Soleares, Siguiriyas, Tarantas, Tarantos, Fandango Naturale, Malagueña, Granaina ecc.

b) Cante Intermedio

Soleà por Buleria, Buleria, Tiento, Tango, Farruca, Fandango de Huelva, Petenera ecc.

c) Cante Chico

Alegria, Guajira, Colombiana, Rumba, Sevillanas, Tanguillo. Zapateado, Garrotin, Verdiales ecc.

 


 

 

 

 

UN PO' DI TERMINOLOGIA....

Il flamenco nasce come espressione popolare e si sviluppa in molti altri ambiti, fino ad arrivare ai palcoscenici dei teatri ed ai concerti rock. In particolare possiamo trovarlo in questi ambiti:

  • festa in famiglia - dove si vedono "cante" (canto), "baile" (danza) e chitarra, affiancati dallo "jaleo" (incitazioni a voce) e "palmas" (battito delle mani) di non professionisti.
  • tablao - il tipico locale spagnolo dove spesso si cena o si beve qualcosa e si assiste ad uno spettacolo dal vivo con assoli e coreografie di 2 - 3 persone. Le figure presenti sono sostanzialmente quelle dell'ambito familiare.
  • teatro - nelle esecuzioni delle compagnie di flamenco si possono vedere oltre al "cante" al "baile", alla "palmas" e al "toque" rappresentato dalla chitarra anche altri strumenti musicali di recente introduzione come il violino, il contrabbasso, il flauto traverso, la chitarra elettrica e percussioni come il cajon ed altri strumenti.

Negli ultimi anni il flamenco si è contaminato con altri generi musicali come il jazz, il pop e il rap, è possibile quindi vedere spettacoli di band collegate con il flamenco anche in stadi o festival.

Si pensa spesso che l'essenza del flamenco sia la danza. In realtà l'anima del flamenco è il "cante". Infatti il flamenco nasce come canto, senza musica (a palo seco) chitarra e danza si aggiungono solo in seguito. I cantanti "cantaores" possono cantare nella stessa serata in pezzi dove è presente il "baile" sia in pezzi di assolo con o senza chitarra. Negli assoli di norma il chitarrista dopo aver suonato qualche "falseta" (assolo di chitarra) prepara un tappeto sonoro suonando il "compas" di un determinato "palo". Su questo il cantaor improvvisa una sequenza di "letras" o "coplas" (strofe) che si possono susseguire a suo piacimento. Ogni "letra" è un mondo a parte per significato e melodia e la partecipazine del pubblico presente (jaleo) dimostra l'apprezzamento per l'intensita di esecuzione di una particolare letra famosa o per la scelta del repertorio.

Quando il cantaor canta per il baile la scelta delle letras è più obbligata, ma anche qui una dose di improvvisazione è presente grazie all'interazione degli artisti sul palco. Naturalmente più il contesto coinvolge un numero maggiore di persone (teatro) più l'improvvisazione riveste un ruolo meno importante.

Toque

La chitarra deriva dal liuto. Si pensa infatti che le prime chitarre siano apparse in Spagna nel XV secolo. La chitarra tradizionale flamenca è simile a quella classica, ma utilizza il legno di cipresso per le fasce ed il fondo ed è leggermente più sottile, oltre che più leggera e con un'incatenatura interna differente. Inoltre presenta una piastra trasparente detta "golpeador" che serve per preservarla quando il chitarrista batte con le dita sulla cassa armonica per ottenere un effetto percussivo. La tecnica della chitarra flamenca è tipica di questo genere, con sue tecniche tra cui spicca il cosiddetto "rasgueo", il rapido movimento delle dita sulle corde che conferisce al flamenco una particolare dinamica, o l'alzapua. La mano sinistra invece è identica alla chitarra classica, anche se abbondano i legati.

Cante

Le "letras" sono spesso molto poetiche e sono state nel corso dei secoli imitate e salvaguardate da numerosi poeti come Federico Garcia Lorca. Negli anni venti, insieme con il compositore Manuel de Falla ed altri intellettuali si batté per far riconoscere il flamenco come arte e per preservarne la purezza.

Baile

Il "baile" flamenco è l'espressione più conosciuta di quest'arte, soprattutto dai turisti che tendono ad identificare, a torto, il flamenco con il ballo. Nei contesti casalinghi e di tablao è quasi sempre una danza solistica, caratterizzata da una buona dose di improvvisazione, dove il ballerino è comunque coreografo della propria esibizione. Nel caso di spettacoli teatrali, la presenza di compagnie nutrite necessita di coreografie condivise, facendo in modo che i momenti di improvvisazione siano ridotti.

Nel baile flamenco esistono movimenti del corpo e delle braccia detti "braceo" e il battito dei piedi "zapateo". Lo zapateo viene utilizzato dal ballerino per introdurre il cante (llamada) o per sottolineare la fine di un verso o di una letra (remate) oppure per eseguire dei veri e propri assoli ritmici (escobilla).

Abbigliamento: L'abbigliamento del ballerino prevede speciali calzature molto resistenti con chiodi ribattuti in punta e sul tacco e abiti in sintonia con il palo proposto, soprattutto per le donne. Infatti le fogge e i colori si armonizzano con il sentimento del palo rappresentato: colori sgargianti e pois per il cante chico e toni più smorzati per il cante jondo.

Accessori: Nel ballo flamenco si possono utilizzare diversi accessori; il bastone e talvolta le castañuelas (nacchere) sono quelli utilizzati dagli uomini (le nacchere in particolare solo in alcuni tipi di danze come sevillanas e fandangos), mentre le donne oltre alle nacchere (anche per altri generi quali solea, seguiryia, ecc.) utilizzano anche il ventaglio (abanico), lo scialle (manton), il cappello (sombrero) e l'abito con lo strascico (bata de cola).